England

England

Tuesday, February 23

A day in Battersea Flower Station






Buon pomeriggio amiche. 
Sembra sia passato un secolo dal mio ultimo post. In effetti sono circa un paio d'anni. 
Da allora parecchie cose sono cambiate. Adesso viviamo e lavoriamo tra Londra e Reggio Emilia. 
So che vi starete già facendo delle domande sul perché, come, dove, etc....
Ma, tranquille,  farò un post anche su questo.
Intanto vi rassicuro sul nostro negozio online, La Maison d'Elise ha appena ripreso le vendite in Italia con qualche novità che vi comunicheremo a giorni. 
Giuseppe, é intento ad evadere tutti gli ordini che sono arrivati in questo mese e mezzo di assenza. 

Voglio ringraziare le amiche che hanno pazientato fino ad oggi. 
Mie care, tra poco riceverete i vostri pacchettini, dovrebbero partire domani. 
Io sarò sempre a vostra disposizione per ogni consulenza sulla scelta dei vostri tessuti. 
Con una piccola variante, in questo primo periodo potrete "soltanto" scrivermi all' indirizzo di sempre, ovvero su elisa.accolla@lamaisondelise.org oppure su info@lamaisondelise.org. 

Perché solo via email e non direttamente al telefono???? 
Perché mi trovo a Londra. 
E già, grandi progetti, grandi cambiamenti...!!!
Vivo e lavoro qui sempre per conto de La Maison d'Elise, cioé per il mio maritino,
ma questo capitolo meriterà un post ad hoc, ve lo avevo già anticipato. 

Per il momento vi dò un piccolo assaggio sui miei giri nella Grande Londra.
Quello che seguirà riguarda la scoperta di un posticino incantevole proprio vicino casa nostra...

 @@@@@@@@@@

Oggi vi racconterò una storia. Io adoro le storie, soprattutto quelle che narrano di sogni antichi e moderni, vintage e High tech.  In questo periodo adoro leggere tutto lo scibile su progetti, startup, sogni che si trasformano in realtà. Questa riguarda una coppia Londinese..

 Un giorno John Schofield e Lisa McCormack, due manager della City, stanchi delle le loro “brillanti” carriere decidono di mollare tutto per un sogno.



Mettono mano ai loro salvadanai investendo tutti i loro risparmi per la realizzazione del sogno di sempre. Entrambi appassionati di giardinaggio abbracciano definitivamente questa sfida, la creazione di un giardino serra, un giardino "bello come nessun altro". 






Nasce così la Battersea Flower Station, il cui nome si ispira alla Battersea Power Station, vecchia Centrale termoelettrica costruita nel 1933 e situata nell’omonimo quartiere di Londra, sulla riva sud del Tamigi. Tanto per capirci, quella che staglia sulla copertina dell'album del 1977 dei Pink Floyd, Animals; oppure quella in cui i Monthy Python nel 1983 hanno girato la "Metà del film".



 


I due ex-manager, acquistano e trasformano in un "giardino-serra" i circa 800 mq di terreno incolto che si estendono accanto i binari ferroviari di Battersea.






Aperta a visitatori e clienti, esperti e neofiti di giardinaggio, la Battersea Flower Station offre la possibilità di trascorrere un po’ di tempo in relax nella quiete assoluta.





La mia visita é stata abbastanza breve, ma intensa. All’entrata ho trovato una casetta in legno con due deliziose fioriste, lungo il percorso bene indicato da cartelli in legno....






......ho trovato degli ambienti differenti, tra cui una serra 





ed anche una sala da te con poltrone, sedie, libri, riviste, un bollitore per il the e una sfilza di vasetti in terra cotta degli anni 50..




Il tutto condito con stile rigorosamente vintage. Le foto racconteranno meglio il mio percorso.

Esiste anche un negozietto in un capannone di latta che offre saponi artigianali, candele, semi, cartoline vintage, pentole e utensili da cucina. 





Tutti provenienti da Londra e dintorni. Le piante, i fiori e gli alberi di ogni tipo rivelano una ricerca minuziosa da parte dei proprietari. Si trovano le tipologie più svariate. Pensate che ho trovato anche degli ulivi dall’Italia e da Israele.

Alla fine del percorso potrete portare con voi, quel senso di serenità e di amore che i due proprietari hanno trasmesso nel creare questo prezioso angolo di Londra, 





e perché no, anche acquistare una delle gemme floreali coltivate alla Battersea Flower Station. ...



Un caro saluto

Elisa













No comments:

Your Feeling

Thank you for reading my blog.
Please, leave me a comment
...